Nuove cariche per ESD Italia, prima centrale d’acquisto nazionale: Sergio Reale presidente

Nuove cariche per ESD Italia, prima centrale d’acquisto nazionale: Sergio Reale presidente

Sergio Romano, neoletto presidente di ESD Italia.

È Sergio Reale, presidente del Gruppo Acqua & Sapone, il nuovo presidente di ESD Italia, al primo posto tra le centrali d’acquisto nazionali con una quota di mercato del 22,2% nei canali di presenza (Iper+Super+Spt+C&C+Drug, gennaio 2017 fonte IRI). Reale sostituisce Maniele Tasca, Direttore Generale del Gruppo Selex, alla guida della Centrale nell’ultimo biennio, e sarà affiancato da due Vice Presidenti: Dario Brendolan e Paolo Orrigoni. L’Assemblea dei Soci che ha eletto i nuovi vertici ha provveduto anche al rinnovo delle cariche del Consiglio di Amministrazione in rappresentanza dei cinque Soci che compongono la Centrale: Dario Brendolan, Marcello Cestaro, Giovanni Pomarico, Maniele Tasca, Paolo Orrigoni, Harald Antley, Mauro Carbonetti. Confermato il Collegio Sindacale e il Revisore Legale.

Costituita nel 2001, ESD Italia è infatti formata da cinque Soci: Acqua & Sapone, Agorà Network, Aspiag Service, Selex Gruppo Commerciale e Sun; a livello internazionale aderisce a EMD, la più grande Centrale europea. Insieme, queste realtà della distribuzione moderna nazionale totalizzano una rete distributiva formata da 5.390 punti di vendita presenti capillarmente in tutta Italia, per circa 4 milioni di metri quadri di superficie. Nel 2016 il fatturato realizzato dalle Imprese associate a ESD Italia ha raggiunto 20,64 miliardi di euro. Per il 2017 il fatturato previsto è di 21,15 miliardi (+2,5%) con l’apertura di 229 nuovi punti di vendita e 188 ristrutturazioni.

Sergio Reale, 55 anni, è Presidente del Gruppo Acqua & Sapone, leader nel canale drug e Socio di ESD Italia dal 2002.

«Il nostro è un Paese che si muove a due velocità – ha dichiarato Reale – dove, accanto a regioni più dinamiche sotto il profilo economico, ci sono territori che fanno più fatica, e che la crisi degli ultimi anni ha ulteriormente indebolito. La nostra Centrale comprende operatori di tutta Italia, e uno dei nostri obiettivi è proprio quello di ridurre questo gap, cercando di valorizzare le potenzialità di tutte le imprese che fanno capo a ESD Italia. Ci viene in aiuto la forte coesione che abbiamo coltivato in questi 15 anni di lavoro comune. E che sarà mio compito mantenere salda».