Cinque tendenze per e-commerce e retail nel 2018: occhi puntati sull’intelligenza artificiale

Cinque tendenze per e-commerce e retail nel 2018: occhi puntati sull’intelligenza artificiale

Photo by bruce mars from Pexels.

Quali sono le tendenze che guideranno l’innovazione nel retail, e anzi ne trasformeranno il panorama, on e offline (ma ormai l’esperienza è omnicanale, l’abbiamo imparato) nell’anno corrente sul fronte sempre più caldo e cruciale della tecnologia? Ce lo dice Salesforce, che rileva come a guidare il settore sarà soprattutto l’intelligenza artificiale, utilizzata per offrire in modo puntuale e automatico quella personalizzazione di cui si parla da anni, che il cliente ricerca e che è chiave di volta per la sua fidelizzazione. Non solo: le ricerche vocali e visive sostituiranno la scrittura, e prosegue l’implementazione tra store fisico e digitale. Sempre più si andrà alla ricerca della taglia corretta e si integreranno pagina social network e pagina web (per la quale si è dichiarato troppo presto il prepensionamento: è più viva e ricercata che mai). L’esperienza d’acquisto sta cambiando, e molto.

Ma vediamo più nello specifico i cinque filoni di innovazione individuati da Commerce Cloud, soluzione e-commerce di Salesforce, distillati dai trend rilevati dai 500 milioni di shopper che visitano gli oltre 2.000 siti e-commerce supportati dall’azienda: cinque temi che ogni retail dovrebbe considerare nello sviluppo di un’esperienza cliente efficace, sia online sia nel punto vendita.

2 - Scrittura addio, arrivano le ricerche vocali e visive

Le ricerche vocali e visive sostituiranno la scrittura e avvicineranno il consumatore all’acquisto. A voce si faranno ricerche, si chiederanno informazioni e si farà shopping, mentre per prevenire la disintermediazione, i brand collaboreranno con gli assistenti vocali già esistenti come Amazon Echo, Google Home e Siri per offrire esperienze voice-driven. Una maggiore diffusione della ricerca visiva consentirà inoltre agli acquirenti di scoprire immediatamente i prodotti visti nella vita reale (tipico il caso delle app che riconoscono e propongono l'acquisto d'impulso di vestiti indossati da attori e cantanti famosi, popolarissime tra le teenager). I retailer ridurranno i passaggi che portano all’acquisto. Foto: Amazon